Posts Tagged Under: Mattarella presidente dell a Repubblica Italicum elezioni Berlusconi Alfano

Habemus papam

Verrebbe quasi da parafrasare Benedetto Croce e azzardare che non possiamo non dirci tutti demo-cristiani. Ma in fondo che male c’è ad eleggere un presidente della Repubblica che rassomiglia a Gronchi almeno nel look, considera Moro il suo maestro e venera De Gasperi appena un pochino meno di S. Francesco protettore d’ Italia?

Perché è stato questo il capolavoro machiavellico-renziano: non tanto l’ aver messo in un angolo Berlusconi, che si mostra incazzato giusto per seguire il copione dell’interminabile polpettone cinematografico da Viale del tramonto, o l’ aver ricondotto Alfano all’obbedienza istituzionale visto che di mestiere fa il ministro degli Interni di un governo di coalizione e non il sovversivo; quanto l’ aver definitivamente tolto di mezzo (ovvero rottamato, come si diceva fino a qualche mese fa) i papabili candidati