Posts Tagged Under: Libia guerra Francia Macron Gheddafi Berlusconi Gentiloni Obama

I nostri vicini francesi

mattei Facciamo un ripassino di storia: i rapporti dell’ Italia post-risorgimentale con la Libia risalgono ai tempi di Giovanni Giolitti, che ne decise l’ occupazione (1911-1912), strappandola così all’ Impero turco-ottomano e facendola divenire colonia del Regno unito; successivamente fu il Duce a voler estendere la dominazione “imperiale” in quell’area, ma, oltre alla guerra, portò in Tripolitania e Cirenaica anche grandi infrastrutture, come la via Balbia, lunga 1800 chilometri, che ancora oggi esiste e funziona. Intorno agli anni Cinquanta l’ attivismo dell’ ing. Mattei e della sua creatura, l’ Eni, cominciò a suscitare l’ invidia di Francia e Inghilterra: le grandi potenze coloniali europee, ormai sulla via del declino, non potevano accettare che una nazione uscita sconfitta dalla seconda guerra