Posts Tagged Under: Cesare Battisti inettellettuale sinistra compagni Lula Carla Bruni Francia Brasile Lula

Lettera aperta di un intellettuale (di Sinistra) a Cesare Battisti

Cesare B Oh Cesare, hai idea di come mi sento, dopo che ho letto nei giornali la notizia della tua confessione? Hai confessato tutti e quattro i delitti, così, dopo quarant’anni; come se di punto in bianco ti fosse tornata la memoria smarrita per chissà quale ragione.

Io credevo che tu fossi innocente, che tu fossi un compagno perseguitato dalla giustizia borghese. Sapevo che a quei tempi frequentavi gente poco raccomandabile e che in quel tuo gruppo dei Pac c’erano anche delle teste calde. Ma eravate giovani allora, e ce n’erano di compagni che sbagliavano. Erano gli anni di piombo, giusto?

Non pensavo che potessi arrivare a tanto. Me l’avevi giurato, ce l’avevi giurato: a tutti noi, marxisti come te