Posts in Category: senza categoria

Le Ong salvano vite umane?

C9jv7WcXUAAcF_9-720x300-1 “Noi salviamo vite umane”: è quanto ci hanno ripetuto finora i rappresentanti delle Ong (Organizzazioni non governative) che stanno operando ai confini delle acque territoriali libiche per soccorrere i migranti e poi trasportarli nei porti italiani (solo nei porti italiani).

Il sospetto che non fosse tutto così chiaro ed esaltante, era già venuto al pm di Catania Carmelo Zuccaro, un magistrato rispettabilissimo, che aveva dichiarato pubblicamente di avere notizie di reato riguardanti alcune di queste Ong, le quali favorirebbero con la loro opera il traffico di esseri umani, ma non le prove. Contro di lui si accese immediatamente il fuoco incrociato dei media e della politica pro-accoglienza: come si permetteva Zuccaro di infamare l’ operato degli eroici volontari


Quer pasticciaccio brutto de Montecitorio

images (8) La legge sulla legittima difesa, per ora approvata solo alla Camera, probabilmente verrà cambiata al Senato e, se anche passasse, sicuramente sarebbe cancellata dalla Corte Costituzionale: innanzitutto perché non si esprime in modo chiaro (come chiederebbero a Roma, “sufficientemente turbato” che vor dì?); e poi perché introduce una disparità assurda tra il giorno e la notte (e quest’ultima è un vero schiaffo in faccia all’ art 3 della Costituzione).

Nella sostanza, purtroppo, non cambia niente o meglio tutto deve cambiare perché tutto resti come prima: questo lo diceva il giovane Tancredi nel capolavoro di Tomasi di Lampedusa a proposito della spedizione dei Mille, ma il concetto si applica benissimo anche oggi (e non solo alla legge


Genitori o proprietari?

download (14) Mi dispiace dovermi ripetere, ritornando su un’ altra incredibile sentenza di un giudice, questa volta di Trento, che ha riconosciuto la bigenitorialità ad una coppia di gay, in quanto proprietari ( lo so che la parola è bruttina, ma è la verità, purtroppo) di due gemellini nati in Canada da un ovulo e da un utero di due donne diverse che hanno “donato” la loro maternità, in cambio certamente di un lauto compenso. Ecco perché i due omosessuali, secondo me , risultano essere innanzitutto proprietari dei bambini; mentre, secondo il giudice di Trento, sono entrambi genitori.

La sentenza stravolge, dunque,il decreto legge Cirinnà, da cui era stata stralciata persino la “stepchild adoption”, ovvero la possibilità di adottare da


Se la scuola crolla

download (9) La scuola di Amatrice, da poco ristrutturata con una spesa di circa 700 mila euro e venuta giù come fosse stata costruita con la sabbia al posto del cemento, è una delle immagini più angoscianti che abbiamo visto in questi giorni alla tv: se il terremoto si fosse scatenato fra un mese, di mattina, ci sarebbe stata una terribile strage di bambini proprio a scuola, un’ istituzione che dovrebbe educarli e al tempo stesso proteggerli.

E invece, come già successo in passato, l’edificio scolastico è crollato (grazie a Dio, di notte e durante le vacanze estive), a dimostrazione del fatto che le scuole italiane non sono dei luoghi sicuri per chi ci lavora e soprattutto per i giovani


Era meglio il tricolore

download (8) Perché Elisa Di Francisca, la nostra bravissima fiorettista, dopo aver vinto la medaglia d’argento a Rio, ha deciso di sventolare la bandiera azzurra della UE anziché il tricolore nazionale? Lei stessa ha dichiarato di averlo fatto per ricordare le vittime di Parigi e di Bruxelles, e per indicare che contro il terrorismo bisogna essere uniti. Quindi concediamole pure il beneficio delle buone intenzioni e soprattutto il rispetto che un’ atleta del suo calibro merita da noi tifosi.

Ma proprio per questo, vorrei chiederle altrettanto rispetto per tutti quegli italiani che hanno iniziato ad amare la scherma grazie alle imprese di ragazze come lei; grazie alle medaglie che loro hanno conquistato negli ultimi due decenni; grazie al coraggio, alla forza,


Una legge sbagliata

shoah Chi legge il mio blog sa benissimo come la penso su Israele e sul popolo ebraico più in generale: mi sono sempre apertamente dichiarato loro amico, sostenitore del loro diritto a difendere il proprio Stato, ammiratore della loro tradizione culturale che sento affine alla mia. E visto che mi occupo professionalmente di storia, vi assicuro che ai miei studenti cerco di spiegare nel migliore dei modi l’ immane tragedia della Shoah. Quando arriviamo, nelle quinte, a studiare il Novecento, non solo ne parlo con le mie modeste parole, ma mostro ai ragazzi e alle ragazze film e documentari sull’argomento, leggiamo le testimonianze dei sopravvissuti dei lager, ascoltiamo la voce degli ultimi reduci ancora viventi.


Family Day

La presenza di migliaia di persone al recente Family day di Roma testimonia che, per fortuna, moltissimi italiani mantengono una concezione del matrimonio di tipo lessicale prima ancora che tradizionale, visto che il dizionario Devoto-Oli lo definisce così: “rapporto di convivenza dell’uomo e della donna in accordo con la prassi civile, ed eventualmente religiosa, volto a garantire la sussistenza morale, civile e giuridica della famiglia”.

Tralasciamo pure la cifra ipotizzata di un milione di manifestanti, cifra che viene sempre irrealisticamente sbandierata ogni volta che in quella magnifica piazza romana c’è un’adunanza sindacale o politica. Che siano stati un milione o centomila, fa poca differenza, perché comunque essi rappresentano un sentimento popolare molto diffuso, che va dunque preso in considerazione, rispettato e non tacciato di oscurantismo medievale come i santoni


Massimo Fini, talebano nostrano

Ha appena pubblicato sul Fatto quotidiano un articolo surreale intitolato “In questa guerra degli orrori io scelgo l’ Isis”, quando sulla rete viene divulgato il video della decapitazione del reporter James Foley ad opera di un boia incappucciato dell’ Isis, appunto.

Tempismo perfetto, quello di Massimo Fini, giornalista e autore di libri impostati sulla linea dell’ antioccidentalismo duro e puro, che guarda caso incrocia idealmente le tesi antiamericane ed antieuropee dei terroristi-macellai-stupratori dell’ esercito fondamentalista attualmente in azione in Iraq.

In verità l’ intellettuale Massimo Fini, che è un signore di una certa età nonostante sul suo sito mantenga la foto di quando aveva vent’anni e i riccioloni, non è nuovo ad esternazioni così suggestive, per non dire macabre, visto che sono vergate mentre i cristiani e


Vietato preferire

pizza

Mettiamo che andassimo in pizzeria e, anziché la solita domanda “come la vuole?”, ci sentissimo dire dal cameriere: “qui si mangia quello che decide il pizzaiolo, stasera c’è la quattro stagioni, punto e basta”. Voi come reagireste?

Probabilmente più di qualcuno alzerebbe subito i tacchi, io lo farei senz’altro. Chi vuole andare a mangiare, pagando s’intende, in un posto dove ti impongono il menu? A meno che il buono pasto me lo passi l’azienda in cui lavoro, se devo tirar fuori i soldi, io voglio scegliere.

Ora che idea hanno i nostri deputati (tutti nominati, dal primo all’ultimo) dei cittadini italiani ai quali con il voto alla Camera hanno, se pur di un soffio, voluto impedire di


La decrescita non è felice

la vita agra

La vita agra è un bellissimo romanzo finito ormai nel dimenticatoio dal quale meriterebbe di essere tirato fuori, anche perché potrebbe essere una soluzione ideale per quanti cercano una storia da leggere in vacanza che sia insieme profonda e divertente.

Il suo autore, Luciano Bianciardi, che era nato a Grosseto nel 1922, dopo la guerra si trasferì a Milano, dove svolse per anni un’intensa attività di traduttore di importanti scrittori americani e nel 1962 pubblicò il suo capolavoro, La vita agra, da cui un paio di anni dopo Lizzani ricavò un film con Ugo Tognazzi.

Erano quelli gli anni del boom economico, il cosiddetto miracolo italiano, e Milano ne era sicuramente il centro propulsivo. Il giovane Luciano Bianciardi, come pure il