Posts in Category: politics

Prossime invasioni barbariche

L’ uccisione del soldato canadese, davanti al parlamento di Ottawa, da parte di un terrorista islamico seguace dell’ Isis ha dimostrato la vulnerabilità di tutti i paesi occidentali, completamenti impreparati ad affrontare la nuova forma in cui il virus della Jiad si è modificato. Perché Isis non è la sigla di un gruppo o di un’ organizzazione come poteva essere Al Qaeda, ma il nome di uno stato, appunto lo Stato islamico dell’ Iraq e del Levante, con tutte le caratteristiche tipiche dei totalitarismi, tra cui una politica estera aggressiva che nel suo caso consiste nella guerra dichiarata all’ Occidente e ai principi fondamentali delle democrazie liberali.

Certamente la componente religiosa-islamista costituisce l’ anima culturale dell’ Isis, ma non dimentichiamo che anche il nazismo e il comunismo novecenteschi,


No Tasi

Luca Ricolfi, uno dei più brillanti economisti e sociologi italiani, l’ aveva scritto e spiegato chiaramente: continuando ad aumentare le tasse sulla casa, il bene primario degli italiani, non ci sarebbe stata alcuna ripresa. Ed è così che è andata, dato che il susseguirsi delle imposte sulla proprietà immobiliare ha visto non solo un assurdo cambiamento di denominazione (prima era Ici, poi Imu ed oggi Tasi) ma anche un crescendo continuo, che ha causato una forte perdita del valore degli immobili e soprattutto la crisi del settore dell’ edilizia, tradizionalmente un volano della nostra economia.

Con l’ aumento delle rendite catastali e la possibilità data ai comuni di applicare l’ aliquota massima ( un regalino del governo Monti), oggi la Tasi è un vero e proprio salasso per le


Dagli al meteorologo

Il sindaco di Genova, Marco Doria, discendente molto chic di un’antica famiglia nobiliare convertitosi al marxismo e all’ ecologia, ha lanciato la solita accusa al dipartimento per l’ Ambiente che non aveva diramato l’ allerta maltempo. L’ assessore regionale ha poi passato il cerino alla Protezione civile, la quale a sua volta ha scaricato le responsabilità sui meteorologi che hanno sbagliato le previsioni e non sono stati in grado di annunciare l’ arrivo della “bomba” d’acqua. La conclusione sarebbe dunque : dagli al meteorologo.

Tre anni fa, per la verità, le previsioni meteo furono più precise, ma poi la sindaca di allora evidentemente non le prese sul serio, e le vittime risultarono molte di più. Questa volta è toccata a un infermiere di 57 anni, bloccato in un sottopassaggio,


Addio all’ art. 18? Forse sì, forse no

Il punto è sempre lo stesso, l’ articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, ovvero rivedere le tutele per chi è assunto a tempo indeterminato in caso di licenziamento. E anche lo scoglio da superare non è cambiato: la sinistra interna al Pd, i reduci bersaniani, i fedeli della Cgil, i cuperliani, gli ortodossi.

Ma in commissione Senato ormai il testo è stato approvato, con l’ astensione di Forza Italia e l’ abbandono di Sel e dei Cinquestelle, per cui la parola dovrebbe passare in settimana prossima al Parlamento, dove però la fronda dei dissidenti (interni) è pronta a dare battaglia: Bersani è già ringalluzzito e Fassina si è risvegliato dal torpore, dopo il famoso “Fassina chi?”di Renzi che lo aveva messo ko. Poi, all’ esterno, la troika sindacale si sta


Guerra al Chianti?

Non stiamo parlando di un posto qualunque, ma del Chianti, che la prestigiosa rivista americana Wine Enthusiast ha appena inserito tra i cinque candidati come miglior regione vinicola al mondo del 2014, insieme alla francese Champagne, giusto per fare un esempio e capirsi. Il top del top, dunque, un fiore all’ occhiello della nostra Regione, frutto dell’ intelligenza e del lavoro appassionato di generazioni di viticoltori.

Ebbene, il nuovo Piano di Indirizzo Territoriale (Pit) della Regione Toscana, che si esprime anche in materia di paesaggio ed è stato approvato in luglio, stabilisce che i vigneti sono troppi, troppo intensivi e monocolturali, con un serio rischio dal punto di vista morfologico e idrogeologico per il territorio. Per questo suggerisce di riconvertire parte dei vigneti in altre attività agricole, come i pascoli.

I


Secchiate che passione!

La moda di quest’estate, ovvero rovesciarsi in testa una secchiata d’acqua gelida, ha avuto sicuramente un effetto positivo perché ha richiamato l’attenzione su una malattia terribile, la Sla, e contemporaneamente ha permesso di raccogliere un bel po’ di donazioni. Ma, come tutte le mode estive, è destinata a durare poco, anche perché difficilmente si troveranno donatori motivati al punto da sopportare gli auto-gavettoni freddi con l’ arrivo dell’ autunno e delle temperature più basse.

Certamente, oltre al lodevole desiderio di fare beneficenza, c’è una buona dose di narcisismo e di conformismo mediatico da parte dei protagonisti di questo “challange”, a spiegarne l’ improvvisa diffusione. Non è un caso, infatti, che la pratica delle secchiate abbia facilmente trovato adesioni in due ambienti socio-culturali formati da persone amanti


Basilicata low cost

I miei genitori hanno sempre comprato il pane in un piccolo forno, il rinomato forno Centola, che da quest’ anno non esiste più. Ma questo non è un male, come potrebbe sembrare, perché dopo la morte del fondatore Centola padre, il figlio l’ ha trasformato in una vera e propria azienda che continua a sfornare pane di ottima qualità, anche se in grande quantità. Il panificio adesso rifornisce i supermercati della città di Potenza, oltre che i vecchi clienti, e dà lavoro a numerosi operai.

Il giovane Centola è un esempio di come sia possibile fare impresa anche durante la crisi e, soprattutto, in una delle regioni del Sud Italia, la Basilicata, solitamente citata nei tg per la sua endemica povertà e l’ elevato numero


Il pachiderma Italia

L’ Italia dei nostri giorni è come un pachiderma quando la mattina va ad abbeverarsi: si muove con una lentezza esasperante, ma almeno ha iniziato a muoversi. La riforma del Senato, appena approvata nella sua prima lettura, ne è la evidente dimostrazione. Per avere la riforma del codice condominiale ci sono voluti undici anni; ma per mettere mano all’ assetto istituzionale dello Stato, voluto con eccesso di zelo “perfettamente” bicamerale dai padri costituenti, il governo Renzi, sostenuto al suo interno e al suo esterno dal centrodestra, ci ha impiegato solo un paio di mesi.

Eppure, con la forza politica dello straordinario successo elettorale alle Europee, il premier avrebbe potuto osare di più e gli italiani sarebbero stati sicuramente dalla sua parte: avrebbe potuto abolire del tutto il Senato, anziché tenerlo in


Quella paura dell’ Islam

In un bellissimo editoriale del 28 luglio sul Corriere della Sera, Galli della Loggia, certamente uno dei più lucidi studiosi di storia contemporanea, ha richiamato la nostra attenzione sulla persecuzione dei cristiani che si sta scatenando da qualche anno in varie parti del mondo, dall’ Africa nera all’ Iraq, e soprattutto sulla totale assenza di reazioni da parte della comunità occidentale.

Secondo lo storico, in Europa ormai la tradizione cristiana è stata pressoché oscurata da un laicismo sempre più dominante, per cui non solo nessuna autorità di carattere culturale, politico o religioso si leva a denunciare la strage di cristiani indifesi, ma gli stessi cristiani occidentali sono spinti a nascondere la loro fede e le loro opinioni.

L’ altra questione sollevata nell’ articolo riguarda, ovviamente, il rapporto degli europei con


Crescita zero

La verità, dunque, è venuta a galla: almeno per tutto il 2014 la luce in fondo al tunnel resterà un puntino luminoso come la fiammella asfittica di una candelina. I dati di Bankitalia, confermati anche da Confindustria, parlano chiaro e smontano anche le più rosee previsioni del Governo, che davano il nostro Pil in crescita di un 0,8%. Purtroppo la ricchezza complessiva italiana non cresce e non crescerà quasi per niente, perché il dato ormai certo è che il Pil si attesta intorno allo 0,2% se le cose non peggioreranno, altrimenti il segno prima dello zero potrebbe anche essere un meno.

Che significa questo per tutti noi? Innanzitutto va chiarito che quanto ha recentemente dichiarato Matteo Renzi in un’intervista al giornalista americano Alan Friedman (secondo il premier