Posts in Category: politics

La cittadinanza non è un diritto

th Se chiedessimo al primo uomo o alla prima donna che incontriamo uscendo per strada qual è la priorità in assoluto oggi in Italia, sono pronto a scommettere che lui/lei risponderebbe senza esitare: il lavoro. Perché se si è giovani o se si hanno dei figli o se si è uno delle migliaia di adulti disoccupati, gli italiani lo sanno bene di cosa avrebbero bisogno: una seria politica occupazionale. Tutto il resto viene dopo.

Ma pare che non sia così per l’ attuale governo Gentiloni che, invece, pone al vertice delle sue priorità l’ approvazione della legge sulla cittadinanza agli stranieri, attualmente in discussione in Parlmento e nota come legge dello “ius soli” perché verrebbe a


In Inghilterra vince la democrazia

th La democrazia inglese non solo è una delle più antiche del mondo (certamente il costituzionalismo e il parlamentarismo non nacquero sul Continente), ma è tuttora molto vitale e capace di esprimere pienamente la volontà popolare. Altrimenti che democrazia sarebbe?

Soltanto un anno fa, gli inglesi sono stati chiamati alle urne dall’ ex premier Cameron sulla questione della loro permanenza o meno nell’ Unione Europea; e si sono espressi a maggioranza (51,9 %) per la Brexit. In seguito a quel voto, l’ europeista Cameron ha dovuto ovviamente dimettersi e il nuovo Primo ministro Theresa May ha deciso di anticipare di ben tre anni le elezioni, per cui in Inghilterra la macchina elettorale si è rapidamente rimessa a funzionare, e gli inglesi


Una finale da incubo

th La finale di Champions è stata un vero incubo per i tifosi juventini che guardavano la partita sul maxi-schermo, in piazza San Carlo a Torino; e non solo per i quattro goal subiti. E’ bastato – come pare sia accaduto – che qualche sciagurato abbia allargato le braccia mostrando uno zainetto, per scatenare il panico; la folla ha poi iniziato a correre nel caos totale, provocando un migliaio di feriti che nelle ore successive hanno praticamente esaurito tutto il filo da sutura degli ospedali cittadini.

La paura del terrorismo islamico produce, ormai, danni considerevoli quasi quanto il terrorismo stesso.

I più anziani ricorderanno che un clima molto simile all’ attuale gli italiani lo hanno già vissuto a cavallo


Quel link tra Manchester e la Libia

index Non c’ era alcun dubbio che la strage di Manchester avrebbe indirizzato la discussione al G7 di Taormina sul tema del terrorismo internazionale e della sicurezza. E così è stato: l’ agenzia giornalistica tedesca Dpa, già alla fine del primo giorno di lavori, ha diramato una bozza di quella che è poi stata la dichiarazione finale in cui si legge di voler riaffermare” il diritto sovrano degli Stati di controllare le proprie frontiere e fissare chiari limiti ai livelli di immigrazione, come elementi chiave per la sicurezza nazionale e il benessere economico”.

Nella stesso documento, ovviamente, si mantiene fermo il rispetto dei diritti umani degli immigrati e la necessità di salvaguardare innanzitutto i minori; ma è evidente


Forti quei giudici supremi

th I giudici della Corte di Cassazione hanno recentemente fatto sentire la loro voce con due sentenze che, come si dice i questi casi, faranno storia. Sia chiaro: il nostro non è un sistema giuridico di tipo anglosassone (commn law), nel quale la giurisprudenza si fonda sui precedenti giudizi; in Italia i tribunali giudicano ogni caso singolarmente, interpretando la legge; ma ciò non toglie che, data l’ autorevolezza della Corte suprema, questa sentenza stabilisca un orientamento al quale anche i giudici dei gradi minori potrebbero in futuro conformarsi.

Nel caso del divorzio tra l’ ex ministro dell ‘ Economia Vittorio Grilli e l’ imprenditrice Lisa Lowenstein, i giudici supremi hanno respinto il ricorso dell’ ex moglie


Obama l’ Italia lo ama

Obama_Milano_Fg4 L’ ex presidente Obama è tornato a Milano, dopo la precedente visita insieme alla moglie Michelle in occasione dell ‘ Expo, e questa volta per tenere una conferenza sui grandi temi che oggi affliggono il mondo: la fame, le migrazioni, i cambiamenti climatici.

Molti commentatori, soprattutto nei social, hanno ironizzato sul fatto che per andare ad ascoltarlo bisognava pagare 850 euri come biglietto d’ingresso, per cui la platea era composta da persone molto vip che nella loro vita sperimentano la fame soltanto quando decidono di fare una dieta dimagrante; oppure sul fatto che Barack ha dormito in una suite da 10.000 euri a notte, dove si è ripassato il discorso sulla povertà che avrebbe tenuto la


Quer pasticciaccio brutto de Montecitorio

images (8) La legge sulla legittima difesa, per ora approvata solo alla Camera, probabilmente verrà cambiata al Senato e, se anche passasse, sicuramente sarebbe cancellata dalla Corte Costituzionale: innanzitutto perché non si esprime in modo chiaro (come chiederebbero a Roma, “sufficientemente turbato” che vor dì?); e poi perché introduce una disparità assurda tra il giorno e la notte (e quest’ultima è un vero schiaffo in faccia all’ art 3 della Costituzione).

Nella sostanza, purtroppo, non cambia niente o meglio tutto deve cambiare perché tutto resti come prima: questo lo diceva il giovane Tancredi nel capolavoro di Tomasi di Lampedusa a proposito della spedizione dei Mille, ma il concetto si applica benissimo anche oggi (e non solo alla legge


Quando le Ong fanno i taxi

images (7) Carmelo Zuccaro, capo della Procura di Catania, evidentemente ha messo il dito sulla piaga, quando ha dichiarato in televisione di avere informazioni precise riguardanti alcune associazioni Ong internazionali che collaborano attivamente al traffico degli immigrati dalla Libia e – sentite questa – farebbero addirittura parte di un piano di destabilizzazione economica dell’ Italia.

Apriti cielo: contro il Pm catanese si sono levati gli scudi e le lance dei sostenitori dell’accoglienza a tutti i costi e, visto che in questi giorni papa Francesco è impegnato in Egitto, la leader del suddetto partito è diventata immediatamente Laura Boldrini, subito seguita dal ministro della Giustizia Orlando e dal presidente del Senato Grasso, per poi scendere ai gradini più bassi delle gerarchie. Così


Totalitarismo e islamismo

images (6) La festa del 25 aprile torna anche quest’ anno, riproducendo vecchi schemi e contrapposizioni ideologiche che appaiono sempre più datati e lontani dall’ attualità.

La dialettica fascismo-antifascismo, dopo la guerra civile del 1943-45 conclusasi appunto con la liberazione di Milano e del nord Italia, ha caratterizzato l’immediato dopoguerra fino ad arrivare agli “anni di piombo” con i morti e le stragi degli estremismi rosso e nero; ma poi ha iniziato a svuotarsi di significato quando il Msi, il tradizionale partito neo-fascista, cambiò pelle per trasformarsi, grazie al giovane segretario di allora Gianfranco Fini, in una nuova formazione conservatrice fedele ai dettami democratici, che all’inizio degli anni novanta si schierò nella coalizione di centrodestra guidata da


Lavorare a Pasqua non è peccato

download (20) Meglio crumire che commesse disoccupate: questo probabilmente hanno pensato tutte le donne che nei giorni di sabato 15 e domenica 16 aprile sono entrate a lavorare, mentre i sindacati confederali avevano indetto uno sciopero nell’ outlet di Serravalle, il più grande d’ Europa, ed organizzato una manifestazione proprio contro l’ apertura degli esercizi commerciali nei giorni di festa.

Nonostante che ormai proprio nei giorni di festa arrivino in massa clienti italiani e stranieri per acquistare a prezzi scontati i capi firmati del made in Italy, per i leader sindacali la concezione del lavoro e dell’ impresa non è cambiata nel corso dei decenni; e il fatto che la società contemporanea abbia ritmi e riti completamente diversi