Posts in: gennaio, 2019

Salvate il soldato Salvini

diciotti Non sono solito parlare dei politici di oggi, ma in questo caso mi vedo costretto a fare un’eccezione: perché Matteo Salvini non è solo il leader di un partito, ma anche il ministro dell’Interno dello Stato italiano, ovvero una figura istituzionale che svolge un ruolo fondamentale. E questo non piace ai magistrati che si riconoscono in Magistratura Democratica, quella corrente molto politicizzata che già in passato ha cercato di intervenire contro leggi giudicate sbagliate oppure governi considerati antidemocratici.

Certo è un fenomeno, questo dei gruppi organizzati di magistrati, davvero bizzarro, che fa un po’ rassomigliare la magistratura italiana (unica al mondo per questo) a un vecchio partito della Prima Repubblica, come la Democrazia Cristiana o il partito Socialista,


L’asse Parigi-Berlino

aqu E’ di pochi giorni fa la notizia della firma di un accordo tra le due principali potenze europee: l’asse Parigi-Berlino. Per farlo, Macron e Angela Merkel si sono incontrati nientepopodimenoche ad Aquisgrana, l’antica capitale dell’impero carolingio, la città dalla quale Carlo Magno comandava su tutta l’Europa.

Devo confessare che trovo la faccenda alquanto inquietante. E non solo perché mi riporta in mente il famigerato asse Roma-Berlino del 1936, che sappiamo bene quali conseguenze disastrose ebbe per l’intera umanità. Soprattutto perché mi sembra un grossolano controsenso: com’è possibile, infatti, che all’interno dell’Unione Europea vi siano accordi privilegiati tra due Stati? In una autentica Unione, i membri non dovrebbero trovarsi tutti sullo stesso piano e sviluppare relazioni collettive paritarie? Se in un


Un martire della libertà

Palach Cinquant’anni fa, esattamente il 19 gennaio 1969, a Praga, in piazza San Venceslao, uno studente universitario di ventun’anni si cospargeva il corpo di benzina e si dava fuoco. Il suo, per quanto estremo e incomprensibile possa ancora apparire, non era il gesto di un folle; ma aveva lo scopo preciso di lanciare un grido – dolorosissimo – di protesta, che sarebbe stato ascoltato da milioni di persone in tutta Europa e non solo.

Quel ragazzo studiava filosofia e, come moltissimi suoi coetanei, aveva partecipato con entusiamo alla svolta democratica avvenuta in Cecoslovacchia grazie al nuovo leader, Alexander Dubceck. La ventata di novità era arrivata così improvvisa e carica di speranze per un futuro di libertà, che l’avevano ribattezzata


La predica di Claudio Baglioni

th In Italia la lista degli sponsor dell’accoglienza si è recentemente allungata, aggiungendo ai soliti nomi di Mattarella, papa Francesco, Boldrini, Fico eccetera un altro vip che ha parlato contro le politiche securitarie del governo giallo-verde, addirittura durante la conferenza stampa del prossimo festival di Sanremo.

Stiamo parlando del direttore artistico Claudio Baglioni, colui che da cantante aveva fatto sognare con le sue melodie sdolcinate intere generazioni di shampiste, estetiste, babysitter, adolescenti in cerca del piccolo/grande amore, zitelle in cerca di marito, divorziate speranzose di un’altra occasione e persino nonne ancora vogliose di carezze e baci; e che da qualche anno si è riciclato nel nuovo creatore e presentatore del festival della canzone italiana.

E cosa c’è di meglio per galvanizzare