La tragedia del ponte

pons La tragedia del crollo del ponte Morandi non ha causato soltanto morti, feriti e dolori, oltre che immensi danni materiali. E’ diventata, per la forza devastante delle sue immagini, una vera e propria allegoria del nostro tempo e, per nostra disgrazia, dell’Italia contemporanea; per cui, forse, ci vorrebbe un grande poeta (come il Leopardi che nella “Ginestra” indicava il Vesuvio come simbolo della precarietà dell’uomo e della brutale potenza della natura), per raccogliere in versi le immagini delle rovine e delle vittime, e destinarle alla memoria delle generazioni future.

Questa estate è finita improvvisamente il 14 agosto alle 11.36 e, nonostante il calendario e il meteo, l’autunno è entrato con diverse settimane di anticipo. L’autunno con i suoi colori sfumati, le foglie che si staccano dai rami, il cielo sempre nuvoloso e la malinconia delle giornate che si fanno più corte.

Quel ponte crollato (quasi) sui tetti delle case di Genova ci ha mostrato icasticamente che l’Italia non è più il paese che ci hanno consegnato i nostri genitori. In verità, lo sapevamo già da un pezzo, ma forse non avevamo ancora avuto il coraggio di dircelo con chiarezza.

Certamente lo sapevano i piccoli imprenditori distrutti dalla crisi del 2008 e dalle tasse che lo Stato ha continuato a pretendere da loro. E di conseguenza lo sapevano gli operai che sono stati giocoforza licenziati; come pure le migliaia di esodati lasciati senza lavoro e senza pensione da una legge capestro, la cui ideatrice (E. Fornero) scoppiò in lacrime al momento della conferenza di presentazione.

Lo sapevano i pendolari che la mattina e la sera sono costretti a viaggiare nei vagoni stracolmi e mal ridotti dei treni regionali.

Lo sapevano i giovani che lavorano part-time, a tempo determinato, con contratti di formazione oppure a nero; e che non arrivano a mettere insieme uno stipendio sufficiente per pagarsi un affitto e magari pensare di farsi una famiglia.

Lo sapevano gli anziani che pagano sempre più ticket per le loro medicine e si trovano con servizi della sanità sempre più privatizzati e di conseguenza più costosi.

Lo sapevano gli abitanti delle periferie cittadine, che in questi ultimi anni hanno sperimentato l’abbandono da parte delle istituzioni; e hanno visto i loro quartieri avviati al degrado, tra campi rom abusivi e massiccia presenza di immigrati africani.

Lo sapevano, infine, i correntisti di banca Etruria -giusto per citarne una- indotti dai loro “amici” direttori della filiale sotto casa a comprare, con i risparmi di una vita, titoli derivati, rivelatisi poi una truffa vera e propria.

Adesso, però, che l’evidenza tragica della decadenza del Belpaese è stata sbattuta dinanzi all’opinione pubblica e mostrata attraverso i media di tutto il mondo, non è più possibile tacere o far finta di niente.

E il coro delle proteste degli sfollati di Genova, che un po’ ricorda il coro nelle tragedie di Sofocle e che si aggiunge a quello dei terremotati dell’Aquila e dei paesini del Molise, non è destinato ad affievolirsi; anzi, sembra aumentare di intensità di giorno in giorno, e potrebbe veramente segnare l’inizio di una nuova stagione, se trovasse corrispondenza e risposte efficaci nei movimenti politici affermatisi recentemente. Con la speranza che, per tutti gli italiani, questa volta arriverà di nuovo la primavera.

About This Author

Mi interesso di storia contemporanea, arte, cultura. E mi considero un libero pensatore.

Post A Reply