Posts in: aprile, 2016

25 Aprile

download (1) Eccoci a festeggiare il 71° anniversario della Liberazione, l’evento che mise fine al periodo più nero della storia del nostro Paese ( 8 settembre 1943 – 25 aprile 1945 ), durante il quale una vera e propria guerra civile lo insanguinò, tra atti di barbarie e atti di eroismo dell’ una e dell’altra parte.

Perché ormai è inutile continuare a raccontarsi l’ edificante vicenda della guerra di liberazione di un popolo contro l’invasore straniero di lingua germanica e fede nazista. Quel racconto, magari, andava bene una volta per spiegare il Risorgimento ai giovani studenti, ma perfino in quel caso, poi, gli storici ci dimostrarono, documenti alla mano, che gli eroici garibaldini a Bronte avevano massacrato


A Lesbo

lesbo Papa Francesco torna dall’ isola greca di Lesbo con dodici profughi siriani (sei adulti e sei bambini) e, durante il volo, spiega ai giornalisti che si tratta di un intervento legale, oltre che umanitario, perché sono tutti forniti di documenti, scappano da una guerra e hanno quindi diritto all’ asilo politico da parte del Vaticano.

Un ragionamento che non fa una grinza, visto che per i profughi richiedenti asilo esistono norme precise del Diritto internazionale; a patto che siano forniti di documenti validi e non falsificati, identificati alle frontiere, riconosciuti come profughi, appunto, e quindi accolti secondo criteri ragionevoli di tollerabilità socio-economica.

Ecco perché il gesto del papa non può che essere considerato un atto simbolico e non la norma;


Le balle sulle trivelle

trivelle E’ solo un caso che le intercettazioni telefoniche della ex ministra Guidi sulla questione dei nuovi giacimenti petroliferi in Basilicata (Tempa Rossa), vengano tirate fuori dai magistrati di Potenza proprio alla vigilia del referendum del 17 aprile? Ovviamente a questa domanda non è possibile rispondere con certezza, anche se qualche sospetto resta, visto che le intercettazioni risalgono al 2014 e chi sta sfruttando il vantaggio mediatico di tutta questa bufera è il partito del Sì, ovvero di coloro che vorrebbero bloccare le attuali estrazioni in mare di gas metano entro le 12 miglia dalla terraferma. E, guarda caso, il più importante leader del movimento No triv è proprio l’ ex magistrato ed attuale governatore della regione Puglia,