buone nuove

napoltano

 

Due buone notizie in pochi giorni, finalmente.

La prima: ai referendum per la fusione dei comuni valdarnesi i Sì hanno vinto. E’ la conferma che ormai la gente ha capito quali sono le priorità da affrontare: taglio ai costi della politica, abbassare le tasse e migliorare la qualità dei servizi. Perchè non è vero che aumentando la spesa pubblica (e quindi le tasse) migliora la qualità dei servizi, tutt’altro come si è visto: più grossa è la pubblica amministrazione e più crescono sprechi, inefficienza e corruzione. Questo vale per l’ amministrazione centrale e vale soprattutto per regioni e comuni. Ma la fusione dei comuni è solo l’inizio di un percorso che dovrà portare a rifondare un nuovo sitema che non potrà più conservare la vecchia logica di potere fino ad oggi utilizzata.

La seconda: il Presidente Napolitano ha dato l’incarico di formare un governo di larghe intese ad Enrico Letta, un politico responsabile, con esperienza europea alle spalle ma anche giovane e quindi rappresentante del cambiamento. Era l’ unica strada percorribile e di buon senso. Dopo il lungo periodo di stallo culminato nei primi drammatici giorni delle votazioni presidenziali, il Parlamento ha riconfermato un grande Vecchio alla guida del Paese, e lui ha scelto un giovane leader come capo del prossimo governo. La forza della tradizione che si unisce alla vitalità della giovinezza: non c’è niente di meglio per il futuro degli italiani.

About This Author

Mi interesso di storia contemporanea, arte, cultura. E mi considero un libero pensatore.

5 Comments

You can post comments in this post.


  • Picking the right location can literally
    mean the difference between being wildly successful and failing miserably.
    The concept of these charitable hampers remains the same, however.
    Most of the suppliers offer home delivery feature
    within a few days of placing order.

    Chelsea 5 anni ago Reply


  • buone nuove | Controcorrente

    asics gel 6 anni ago Reply


  • buone nuove | Controcorrente

    asics running shoes 6 anni ago Reply


  • Leggo con ritardo il tuo commento perchè ‘sti meccanismi elettronici mi risultano un pò ostici, almeno all’inizio, ma comunque ti ringrazio davvero per il tuo intervento che mi sembra molto interessante e appropriato. Sul secondo punto, penso, avremo modo di approfondire la discussione in seguito, quando saranno più chiari i fatti e le riforme in tema di lavoro e crescita (che sono le priorità, su questo mi sembra si sia d’accordo). Ma sul primo vorrei invitarti ad approndire la questione che è fondamentale: il comune unico è più grande territrorialmente , ma è più piccolo e meglio leggero sul piano della burocrazia: giusto per fare qualche esempio, un sindaco anziché due, una sola giunta, un solo consiglio…un bel risparmio dunque. Il problema sarà la crezione di un meccanismo di partecipazione diverso, rispetto alla logica partitica che in Toscana ha sempre regnato. Sperando di risentirti presto…

    Roberto Riviello 6 anni ago Reply


  • Caro Roberto, avendo avuto la felice idea di ammalarmi il 24 aprile ed essendo quindi a “festeggiare”il 25 a casa con 38, mi è’ venuto in mente, guardando la rassegna stampa, che mi avevi accennato a questo blog su Valdarno Post: veni, vidi e risposi.
    Quella che chiami la prima buona notizia e’ una delle tante mode moderne sulla cui efficacia sarà bene verificare. A parte che tu stesso, se la febbre non mi confonde, affermi che i maggiori sprechi si annidano nelle strutture in relazione di proporzionalità diretta rispetto alla dimensione ( più grandi sono e più e’ complicato controllarne l’efficienza e le sorgenti degli sprechi) , non capisco se questa “legge” e’ vera per l’apparato dello Stato, delle Regioni e province, perché in questo caso si possa fare un’eccezione.. Del dibattito sul Comune Unico non ho seguito un gran che, confesso, ma da una serie di “note” che mi arrivano tramite la mailing-list dei COBAS, ho il sospetto che in termini di contratti per i lavoratori dei Comuni, di efficacia di presenza ed azione sul territorio nonché in merito ai costi/qualità dei servizi resi, sarà tutta da vedere.. Certo, la Toscana “rossa” e’ da un bel pezzo che è’ più realista del re, per cui sempre prima per le fughe in avanti( ti ricordi la vicenda degli ATO?). Solo la destra minoritaria, becera e fascistoide tipo casa pound o roba del genere ha fatto opposizione..
    Sulla seconda mi esprimo solo per completare la risposta, tanto conosci il mio pensiero. Difronte all’evaporazione del PD, a Berlusconi che torna a prendere il 30% dopo tutto quello che si è’ visto e difronte ad una crisi che coinvolge la struttura stessa del metodo di produzione capitalista, non vedo cosa ci sia di bello… ( forse l’evaporazione del PD: il re e’ nudo..) in un esecutivo che, dato che veda luce, riproporrà il niente ( perché su lavoro, crescita o sviluppo nessuno riesce a dire niente). Lo so, sono il solito “estremista”, ma attendo dal 2008 di essere smentito..
    Due notizie, una di fumo negli occhi ed una triste da povera Italia….
    Meno male che mi sono ammalato durante un periodo di ferie così risparmio la trattenuta di 10€ al giorno, misura esemplare voluta dal mio amico brunetta…
    Cordialmente, Alessandro Valboni

    Alessandro Valboni 6 anni ago Reply


Post A Reply