Nel centenario di Fiume

dannunzio Chi avrebbe mai pensato che una statua raffigurante Gabriele D’Annunzio mentre legge tranquillamente un libro, seduto su una comune panchina e non in veste da guerriero, avrebbe provocato le ire di un Paese confinante e amico – la Croazia -, al punto che la sua presidente, la bionda Kolinda Grabar-Kitarovic, ha twittato inviperita: “il monumento scoperto oggi a Trieste che glorifica l’irredentismo e l’occupazione, è inaccetabile”.

La “provocazione” imbastita dalla giunta triestina consisterebbe nell’aver scelto scientemente per l’inaugurazione una data simbolica, il 12 settembre 2019, che cade esattamente un secolo dopo l’inzio dell’impresa di Fiume, cominciata a un anno dalla fine della Grande Guerra.

Probabilmente non servirà, per calmare l’avvenente presidente, ricordarle che Trieste già ospita simili


8 settembre 1943

armistizio L’8 settembre 1943 gli italiani, grazie alla radio, seppero che il re Vittorio Emanuele III e il capo del governo Badoglio si erano arresi (incondizionatamente) agli alleati angloamericani. Dalla stragrande maggioranza degli italiani il comunicato letto proprio da Badoglio fu accolto con gioia, credendo che quel giorno la guerra fosse finita; anche perché Mussolini era caduto il 25 luglio, poi arrestato, e il fascismo sembrava ormai un capitolo chiuso.

Ma la realtà si presentò ben presto nel suo aspetto più tragico: il re, i vertici del governo e lo stato maggiore dell’esercito, temendo la reazione dell’ex alleato nazista, lasciarono precipitosamente Roma senza dare ordini precisi agli ufficiali che comandavano i nostri soldati sul territorio nazionale e all’estero; per andare a


Un nuovo governo

nuovo governo La maggior parte degli italiani vanno in vacanze ad agosto: è una tradizione nata negli anni del boom economico, che si è mantenuta anche se i prezzi degli alberghi sono più alti e le spiagge particolarmente affollate. Questa è la tradizione in Italia; unica nazione al mondo dove si festeggia il Ferragosto che ha un’antica e nobile origine romana, visto che il nome deriva da “Feriae Augusti” perché volute dal grande imperatore.

Ma in questo agosto è successo qualcosa di molto insolito: quando siamo partiti per le ferie c’era un governo giallo-verde; e quando siamo tornati a casa e ai nostri lavori, abbiamo trovato, già quasi pronto e apparecchiato, un governo giallo-rosso.

La cosa non ci dovrebbe sorprendere,


Figlinesi onorari

sting Il fatto che Sting e sua moglie Trudy abbiano ottenuto la cittadinanza onoraria di Figline-Incisa, è una gran bella notizia; anche perché non si tratta di una cittadinanza fittizia, come talvolta accade quando le amministrazioni comunali si vogliono impreziosire sfruttando la presenza fugace o vacanziera di personaggi celebri nei loro territori.

Sting qui ci vive veramente, insieme alla famiglia, da molti anni e, com’è noto, è diventato anche un importante imprenditore del settore agro-alimentare. E non ha mai fatto spallucce, quando è stata richiesta la sua “immagine”, famosa in tutto il mondo, per dare forza ad iniziative di pubblica utilità come la donazione del sangue o, più recentemente, la solidarietà al presidio dei lavoratori della Bekaert finiti in cassa integrazione.

Ha


E’ morto l’Easy Rider

easy E’ morto Peter Fonda, l’attore protagonista di un celeberrimo film uscito nel 1968: “Easy Rider”. Era figlio di un attore, Henry Fonda, decisamente più bravo e molto più noto di lui. Anche la sorella, Jane, è stata un’attrice famosa: da giovane aveva iniziato con dei ruoli sexi, poi aveva scoperto la politica e si era trasformata in attrice impegnata nel movimento pacifista contrario alla guerra del Viet Nam.

“Easy Rider” diventò presto un cult movie per tutta quella generazione che negli Stati Uniti, a partire dall’università californiana di Berkeley, iniziò proprio in quell’anno a contestare il sistema americano, fatto di capitalismo avanzato ma anche di imperialismo, come la guerra in Viet Nam dimostrava. Allora la leva militare era obbligatoria


Unicuique suum

Sciascia Ero alla stazione di Figline in attesa di un treno per Firenze che tardava, e allora mi sono seduto nella sala d’aspetto. Ho visto che in uno scaffale basso c’erano dei libri e mi sono avvicinato per leggerne i titoli. Come spiega un cartello, sono libri a disposizione dei viaggiatori: chiunque può prenderli, portarseli in viaggio e magari a casa; ma naturalmente è (moralmente) obbligato a rimetterli a posto dopo averli letti.

Non so a chi sia venuta questa bella idea della mini-biblioteca ferroviaria, ma certamente dev’essere una persona intelligente e sensibile. Sarà stato il capostazione? O semplicemente un ferroviere amante della lettura? Chissà. In ogni caso vorrei conoscerlo per ringraziarlo, perché grazie a lui (o lei) ho letto un


Gioventù bruciata

gioventu Un ragazzino in Liguria, così per gioco, lancia un cassonetto dei rifiuti giù dalla strada in mare; solo che il cassonetto, anziché finire sulle onde, va a colpire una tenda di campeggiatori e per poco non ammazza un bambino francese. Quasi in contemporanea vanno sotto processo dei minorenni che, per rubare collanine d’oro e telefoni cellulari, spruzzavano spray al peperoncino nelle discoteche; causando, in una serata maledetta, il panico tra i presenti e la morte di sei persone schiacciate dalla folla.

Se poi volessimo continuare, potremmo parlare delle baby-gang che a Napoli ormai sono diventate pericolose tanto quanto i loro “eroi” camorristi; e magari potremmo aggiungere alla lista i due giovani americani che a Roma hanno assassinato il


La più bella isola

lampedusa Sono stato a Lampedusa per trascorrere una settimana al mare, e davvero il mare di Lampedusa è bellissimo: fondali cristallini dove si nuota in mezzo ai pesci come se si fosse ai Caraibi.

Ma la cosa più soprendente – almeno per me lo è stata – è che nell’isola siciliana più vicina al nord Africa si vive in un clima di grande tranquillità, tanto che le macchine vengono lasciate aperte perché non c’è pericolo che qualcuno possa rubarle. Non solo gli isolani vivono così, ma anche i turisti vengono contagiati da questa atmosfera rilassata e serena; e a loro volta abbandonano le ansie e le preoccupazioni tipicamente cittadine.

Per la verità anch’io ero arrivato lì con il timore che


Quel commento indecente

cerciello Che tragedia la morte del giovane carabiniere Mario Cerciello Rega per mano di quel ragazzo americano che ormai chiamare “presunto” omicida è solo un eufemismo; visto che ci sono testimoni oculari del delitto (tra cui un altro carabiniere) e che il coltello usato è stato trovato nella camera d’albergo di Elder Finnegan Lee e del suo amico, anch’egli coinvolto nella vicenda e posto sotto arresto.

Speriamo solo che la giustizia sia rapida, che si arrivi quanto prima a una sentenza e che la pena sia proporzionata alla gravità del reato. Soprattutto senza fare sconti a nessuno, perché chi è capace di pugnalare per ben 11 volte la sua vittima agisce certamente con volontarietà ed estrema crudeltà.

Ai


Nuovi miti

der spiegel Il marketing è la disciplina che studia le strategie di vendita dei prodotti, e quindi è un elemento fondamentale dell’economia contemporanea, basata sulla continua innovazione. Le aziende, per continuare a vivere e operare nel mercato globale, devono infatti inventarsi prodotti sempre nuovi e sempre più accattivanti, altrimenti i consumatori scelgono la concorrenza.

Ma questo meccanismo non si applica soltanto alle bibite gassate, gli smartphone, le auto e i surgelati; all’universo, cioè, dei consumi. Ormai il marketing governa anche altri settori della vita sociale che apparentemente non rientrano nel campo dell’economia. Prendiamo, per esempio, la comunicazione politica: anche qui la regola fondamentale del marketing detta legge: i prodotti hanno un ciclo di vita breve e di